Navigation

Borsa svizzera: pomeriggio in negativo

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 ottobre 2011 - 15:45
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera continua a navigare in territorio negativo anche nel pomeriggio. Verso le 15:30 l'indice dei valori guida SMI perdeva lo 0,94% a 5734,29 punti, quello allargato SPI lo 0,92% a 5205,32 punti. L'ottimismo è moderato prima del vertice dell'Unione europea (Ue) di domani, secondo gli osservatori.

Tra i titoli del listino principale l'attenzione è posta su UBS (+1,26%) - che ha annunciato un utile trimestrale di 1,018 miliardi di franchi nonostante la perdita di 1,85 miliardi subita a causa delle transazioni non autorizzate effettuate da un trader a Londra - e su Novartis le cui perdite oltrepassano il 3% (-3,38%). Il gruppo farmaceutico basilese, che nel periodo luglio-settembre ha registrato un utile netto in crescita del 7% a 2,49 miliardi di dollari (2,2 miliardi di franchi), ha comunicato che prevede di cancellare 2000 posti di lavoro, soprattutto in Svizzera e negli Stati Uniti, in seguito a un programma di compressione dei costi. In particolare intende chiudere il sito di Nyon (VD) che occupa 320 persone e sopprimere 760 impieghi a Basilea.

In negativo anche gli altri due titoli di peso difensivi: Nestlé lascia sul terreno lo 0,29% e Roche lo 0,91%.

Quanto ai titoli bancari, in calo risulta Julius Bär (-1,08%), mentre Cs Group è invariata a 24,64 franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?