Navigation

Borsa svizzera: rimane orientata al rialzo

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 maggio 2011 - 11:34
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera rimane orientata al rialzo: alle 11.25 l'indice dei valori guida SMI segnava 6581,44 punti (+0,29% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in crescita dello 0,24% a 6061,06 punti.

Il mercato rimane influenzato dall'accelerazione, nel finale di seduta, di Wall Street e dalla lieve ripresa dei prezzi delle materie prime, specchio di una evoluzione rallegrante della congiuntura. Non è inoltre passato inosservato in Europa il boom del Pil trimestrale tedesco, con una crescita annua del 4,9%, superiore alle attese, mentre per l'insieme dell'UE l'espansione si è attestata al 2,5%. Ora sono attesi alcuni dati macroeconomici americani che saranno pubblicati nel pomeriggio.

Sul fronte interno mancano notizie di rilievo e le variazioni di corso, perlomeno per fra le blue chip, sono quasi tutte inferiori al punto percentuale. Stanno perdendo terreno i bancari UBS (-0,42%) e Credit Suisse (-0,61%), mentre Julius Bär (+0,23%) rimbalza lievemente dopo il ribasso di ieri. Gli assicurativi Swiss Re (-0,20%) e Zurich (+0,35%) presentano un andamento contrastato.

Fra i titoli più sensibili alla congiuntura Adecco (+0,68%) si avvia ad archiviare una settimana assai positiva, ma anche ABB (+0,56%) si muove bene. Ancora più tonico è il segmento del lusso, con Swatch (+0,68%) e Richemont (+0,99%) fra i titoli più in vista del listino, ma a tirare il gruppo sono soprattutto i giganti farmaceutici Novartis (+0,93%) e Roche (+1,01%). Il terzo difensivo di peso, Nestlé (+0,18%), arranca. Transocean (+0,08%) ha comunicato l'intenzione di spostare una nave di perforazione nel Golfo del Messico in vista della ripresa dell'estrazione di petrolio dal fondale situato in acque profonde.

Nel mercato allargato al centro dell'interesse figura l'esordio di Autoneum, la divisione di Rieter attiva nella produzione di componenti per l'industria automobilistica che è stata scorporata: partito con corso di apertura di 110,50 franchi il titolo è salito a 115,20 franchi. Rieter nel contempo è scesa di 115,50 franchi. "Per gli azionisti il plusvalore è quindi praticamente uguale a zero", ha commentato un operatore. Per quanto riguarda gli altri titoli minori non si arresta la discesa di LifeWatch (-3,02%), che ieri aveva già perso il 9% dopo un trimestrale deludente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?