Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Il listino principale della Borsa svizzera si è mantenuto al di sotto della parità, malgrado dati macroeconomici americani favorevoli. Sullo SMI - che alle 15.20 circa perde lo 0,15% a quota 6802,91 - ha un forte impatto il ribasso del titolo Roche, scambiato da oggi senza la cedola del dividendo. L'indice allargato SPI sale invece dello 0,35% a 5912,14 punti.
Le richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti sono calate di 29.000 unità la settimana scorsa, a quota 469.000 unità, Gli analisti avevano previsto una flessione a 470.000 unità dalle 496.000 (dato rivisto oggi al rialzo a 498.000) della settimana precedente.
Roche sta perdendo 5,90 franchi (-3,18%). Occore tener conto che la cedola del dividendo ammonta a 6 franchi. La concorrente Novartis cede lo 0,26%. La Nestlé - l'altro peso massimo difensivo - dopo la consistente flessione di ieri sta recuperando terreno (+1,13%).
Il titolo UBS dopo prime perdite iniziali sta registrando una performance robusta (+1,80%). Un tribunale del Lussemburgo ha respinto una causa civile contro la banca svizzera per risarcimento danni in relazione alla maxi-frode del finanziere americano Bernard Madoff. Il Credit Suisse cresce dello 0,75%. La Julius Bär ha invece invertito tendenza e ora scende dello 0,08%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS