Navigation

Borsa svizzera amplia perdite nel pomeriggio

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 settembre 2011 - 15:36
(Keystone-ATS)

Negativi già per gran parte della seduta, i listini della Borsa svizzera hanno compiuto un tonfo intorno alle 15.00. Alle 15.25 circa l'SMI cede lo 0,79% a 5'485.37 punti, l'SPI lo 0,93% a 4'987.19 punti.

Circolano voci secondo cui Jürgen Stark, membro tedesco del comitato esecutivo della Banca centrale europea, intenda annunciare le sue dimissioni dopo la chiusura dei mercati. All'origine della decisione vi sarebbero divergenze sul tema scottante degli acquisti di titoli di Stato dei paesi dell'area euro in difficoltà.

Tra le blue chip svizzere in forte calo i titoli ciclici: Holcim perde il 4,44%, Adecco il 3,68% e ABB il 2,51%. Sempre pesanti anche i due colossi bancari Credit Suisse (-3,53%) e UBS (-3,67%) e gli assicurativi Zurich Financial Services (-3,21%) e Swiss Re (-2,63%) nonché i due titoli del lusso Swatch Group (-3,14%) e Richemont (-2,86%).

Quanto ai pesi massimi difensivi, Roche cede lo 0,42%, mentre Novartis (+0,67%) e Nestlé (+0,44%) danno un po' di sostegno al listino. In controtendenza anche Swisscom (+0,27%) e Syngenta (+0,12%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?