Navigation

Brasile: scope contro corruzione davanti al Congresso

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2011 - 18:27
(Keystone-ATS)

Quasi 600 scope gialle e verdi - 594 per la precisione - sono state piantate la scorsa notte davanti al Congresso di Brasilia per protestare contro la corruzione dilagante tra i politici.

"Ogni scopa rappresenta un parlamentare, 81 senatori e 513 deputati - ha spiegato in televisione l'avvocato Audo Ferreira, uno degli organizzatori della protesta -. Se ognuno prendesse in mano la sua brava scopa e desse una ripulita a tutta la corruzione che ha attorno, la società non si sentirebbe così insoddisfatta".

I manifestanti chiedono tra le altre cose il voto aperto e non segreto, e l'esclusione dalla politica di tutti i cittadini che sono sotto inchiesta o pregiudicati.

I contestatori, "un gruppo apolitico sorto spontaneamente nella società civile", come lo ha definito Ferreira, aveva già organizzato il 7 settembre una marcia contro la corruzione, sempre a Brasilia, e ne ha indetto un'altra il 12 ottobre che dovrebbe questa volta assumere una dimensione nazionale, con manifestazioni in tutte le grandi città brasiliane, comprese Rio de Janeiro e San Paolo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.