Navigation

BS: condannato evade, ricerche in tutto il paese

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 settembre 2011 - 17:19
(Keystone-ATS)

Un uomo condannato nel canton Berna è riuscito a fuggire ieri dal cortile del reparto chiuso della clinica di psichiatria forense di Basilea. Le autorità renane hanno subito avviato ricerche a livello nazionale. L'uomo è considerato pericoloso.

I retroscena della fuga non sono ancora chiari. Stephanie Zahnd della Divisione bernese per l'esecuzione delle pene e delle misure ha dichiarato all'ats di essere in stretto contatto con i responsabili delle Cliniche psichiatriche universitarie (UPK) di Basilea. L'uomo si trovava nel cortile del reparto chiuso ed era accompagnato da un dipendente dell'istituto. Nonostante ciò è riuscito a superare un muro alto circa 3,5 metri, afferma il Dipartimento di polizia e militare del Canton Berna in una nota.

Pur considerando l'uomo pericoloso, la Divisione per l'esecuzione delle pene e delle misure non ritiene che "attualmente sussista un rischio immediato per la popolazione", ha spiegato la Zahnd. Questa valutazione, sulla base dei delitti compiuti dal condannato, avviene in accordo con gli specialisti delle UPK.

La Zahnd non ha voluto fornire informazioni sull'uomo, condannato nel 2007 a una terapia "stazionaria", e sui reati da lui compiuti. Christian Margot, capo della Divisione per l'esecuzione delle pene e delle misure, si è limitato a spiegare all'ats che si tratta di una persona "curabile" e che non si è reso responsabile di delitti sessuali.

Appena due mesi fa aveva fatto scalpore il caso di un omicida e stupratore condannato nel canton Berna e rinchiuso in un carcere neocastellano, sfuggito al controllo di due agenti di custodia durante una gita accompagnata. Dopo qualche giorno l'uomo si era costituito e si trova ora in una prigione bernese.

Pochi giorni dopo un altro uomo condannato per stupro e ospitato in centro del canton Berna, dove seguiva una misura terapeutica in clinica, non era rientrato dal suo posto di lavoro esterno alla struttura. Il fuggitivo era stato riacciuffato l'indomani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?