Navigation

CF: i medici si formeranno anche alla medicina complementare

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 giugno 2011 - 13:51
(Keystone-ATS)

In futuro i medici devono formarsi anche alla medicina complementare e la formazione di base deve essere meglio integrata nel corso di studi. Il Consiglio federale ha posto oggi in consultazione, fino al 28 ottobre, la revisione della legge sulle professioni mediche. In essa dovrebbe inoltre figurare l'attuale giurisprudenza in materia di riconoscimento reciproco dei diplomi tra la Svizzera e l'UE.

L'integrazione della medicina complementare nella formazione del dottore è legata all'accettazione dell'iniziativa "Sì alla medicina complementare" e all'introduzione di cinque medicine "dolci" nel catalogo delle prestazioni rimborsate dall'assicurazione malattia obbligatoria. Di conseguenza gli obiettivi di formazione delle professioni mediche devono essere adattati nella legge.

Gli studenti che hanno ottenuto il loro diploma universitario dovranno meglio conoscere i compiti e le funzioni della medicina di primo soccorso, quella di base; il progetto in consultazione prevede di farne un obiettivo pedagogico.

Un ulteriore obiettivo della revisione consiste nell'integrare in modo soddisfacente la gestione delle informazioni tra il personale medico nella formazione e nel perfezionamento. Le tecnologie dell'informatica e della comunicazione diventano sempre più importanti nell'attività quotidiana professionale del personale medico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.