Navigation

Cile: qui esperanza, trivelle scoprono filone d'oro

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2010 - 17:13
(Keystone-ATS)

SANTIAGO - Ci potrebbero essere consistenti filoni d'oro e di rame nell'area della miniera di San Josè dove i tecnici cileni portano avanti una lotta contro il tempo per cercare di salvare i 33 uomini intrappolati, a due passi dal 'Campamento Esperanzà dove i familiari attendono ormai da due mesi i loro cari.
A sottolinearlo è Gustvo Lagos, esperto minerario e docente presso l'Università Cattolica di Santiago del Cile, precisando che nelle viscere della terra a San Josè ci sarebbe "un filone molto ricco d'oro e di rame".
"È un'ipotesi ancora da confermare, ma a quanto pare i sondaggi fatti nelle operazioni per riportare in superfice i 33 hanno individuato degli importanti giacimenti", ha sottolineato Lagos all'ANSA.
Se tale possibilità fosse confermata, gli azionisti della società San Esteban, proprietaria della miniera dove sono bloccati i 33, sarebbero ricchi: "la tragedia potrebbe farli diventare multimiliardari", invece di essere economicamente falliti, viste le richieste di ingenti risarcimenti già partite contro la San Esteban da gran parte dei familiari dei 33.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?