Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SHANGHAI - Ancora un suicidio nella fabbrica della Foxconn a Shenzhen, nel sud della Cina. Secondo quanto rivelato oggi dalla agenzia Nuova Cina, ieri sera intorno alle 23:20 ora locale un altro impiegato si è lanciato dall'edificio di un dormitorio della fabbrica, uccidendosi.
Si tratta del decimo suicidio avvenuto nella fabbrica di Shenzhen negli ultimi 5 mesi. Altri due operai avevano tentato il suicidio, ma sono sopravvissuti. Un'altro impiegato era morto lanciandosi da un edificio dalla filiale di Lanfang e, sempre a Lanfang, nel dormitorio era stata trovata morta un'altra ragazza, ufficialmente per attacco cardiaco.
Proprio ieri i vertici dell'azienda, preoccupati dall'escalation di suicidi, avevano deciso di far firmare a tutti i dipendenti un documento, in cui questi si impegnano formalmente e per iscritto a non suicidarsi.

SDA-ATS