Una Corte d'appello di Pechino ha confermato oggi la condanna a otto anni di prigione a un geologo americano accusato di essersi procurato informazioni commerciali in modo illegale. Lo ha affermato uno dei suoi avvocati.

Xue Feng, un consulente di compagnie petrolifere di 46 anni, è stato arrestato tre anni fa. L'ambasciata americana a Pechino ne ha chiesto la liberazione con un comunicato.

Il caso di Xue è destinato a complicare ulteriormente le difficili relazioni tra Cina e Stati Uniti, già tese a causa delle divergenze su un arco di problemi che va dal commercio internazionale ai diritti umani, dal Tibet alla libertà di espressione su Internet.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.