Navigation

Cina: Tibet; altre due immolazioni, morti salgono a 51

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 agosto 2012 - 09:46
(Keystone-ATS)

Ancora due immolazioni in Tibet che portano a 51 (anche se alcuni parlano di 52) il numero di queste azioni estreme dal 2009. Due giovani tibetani si sono dati fuoco ieri a Ngaba (Aba per i cinesi) nei pressi del monastero di Kirti, nella provincia del Sichuan, in segno di protesta contro il dominio cinese in Tibet e per il ritorno del Dalai Lama. Lo riferiscono fonti della dissidenza tibetana.

Secondo le informazioni disponibili, a darsi fuoco ieri, intorno alle 8.30 ora locale, sarebbero stati Lobsang Kalsang, un monaco di 18 anni, e Damchoe, 17 anni, un ex monaco. Testimoni oculari hanno raccontato che i due si sono dati fuoco cantando slogan anticinesi e a favore del Tibet, per poi crollare al suolo.

La polizia li ha presi e trasportati in ospedale, dove sarebbero entrambi morti poco dopo per le gravi ustioni. Fonti tibetane tuttavia riferiscono che non si hanno notizie su dove siano stati portati i loro corpi né se alle loro famiglie sia stata la possibilità di vederli.

Damchoe, uno dei due, era il fratello più giovane di una monaca, Tenzin Chodron, anche lei morta per essersi immolata per il Tibet nel febbraio 2011. Sembra che il giovane, dopo un periodo vissuto al monastero di Kirti, avesse deciso di lasciare la vita monacale e vivesse con la madre in una comunità nomade.

A seguito delle immolazioni di ieri, la polizia ha arrestato Lobsang Palden, compagno di stanza, nel monastero di Kirti, del monaco Lobsang Kalsang morto ieri.

Kirti è il monastero al centro di numerose proteste e controlli della polizia cinese, nonché del maggior numero di immolazioni. Sabato una monaca di 39 anni aveva protestato nella prefettura di Kardze (Ganzi in cinese) chiedendo la libertà per il Tibet ma era stata bloccata e arrestata dalla polizia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?