Navigation

Cinema: Soletta, vincono "Spartiates" e "Usfahrt Oerlike"

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 gennaio 2015 - 20:05
(Keystone-ATS)

Si chiude stasera, con l'attribuzione del Prix de Soleure e del Prix du Public, la 50esima edizione delle Giornate cinematografiche di Soletta. I riconoscimenti sono andati a due pellicole particolarmente diverse fra loro: "Spartiates", del ginevrino Nicolas Wadimoff, e "Usfahrt Oerlike", dell'argoviese Paul Riniker.

Il primo, un documentario su un club di arti marziali dei quartieri popolari di Marsiglia, ha impressionato la giuria - la regista Dominique de Rivaz, la scrittrice Melinda Nadj Abonji e l'ex consigliere federale Moritz Leuenberger - per il modo in cui l'autore è riuscito a suggerire sullo schermo che "il combattimento sul ring è anche lotta per la sopravvivenza quotidiana". Cineasta e produttore si spartiranno 60'000 franchi di dotazione del premio.

La pellicola di Riniker, al quale vanno 20'000 franchi, è invece un'opera di finzione il cui protagonista, stanco di vivere, confida a un amico il desiderio di morire chiedendogli aiuto. Acclamato dal pubblico solettese, il film esce oggi nelle sale della Svizzera tedesca.

In una nota diffusa nel pomeriggio, gli organizzatori tracciano un bilancio positivo della manifestazione e ricordano i nomi illustri invitati alla rassegna. Secondo una prima stima, il numero di spettatori è in crescita, e avrebbe raggiunto quest'anno quota 67'000, contro 65'456 nel 2014.

Nel suo discorso di chiusura, la direttrice del festival, Seraina Rohrer ha ringraziato tutti coloro che sostengono la rassegna, anche finanziariamente, e ha annunciato che dopo 11 anni di sponsoring, La Posta ha deciso di cessare il suo impegno in questo senso, per un riorientamento strategico.

La 51esima edizione delle Giornate di Soletta si terrà il prossimo anno da 21 al 28 gennaio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.