Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio nazionale ha respinto, con 114 voti contro 59 e 11 astenuti, il controverso divieto di vendita di bevande alcoliche fra le 22:00 e le 6:00. Bocciata anche la messa al bando degli "Happy Hour". Le decisioni sono state prese nel quadro della revisione totale della Legge sull'alcool. Il dibattito è ancora in corso.

Durante la discussione solo la sinistra si è schierata in favore di queste proposte, pensando soprattutto alla tutela dei giovani. "Il mercato non deve avere la meglio sul buonsenso", ha tuonato la socialista Ada Marra (VD/PS).

Totalmente contrari invece i partiti borghesi, che hanno messo in dubbio l'efficacia degli articoli, valutandoli dannosi per il libero mercato. "I ragazzi spesso non conoscono limiti, ma non si può punire tutta la categoria per gli errori di alcuni", anche perché i limiti di età per l'acquisto di alcolici già esistono, ha detto Sylvia Fkückiger-Bäni (UDC/AG).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS