Navigation

CN: imprese "too big to fail" responsabili penalmente

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 marzo 2011 - 17:58
(Keystone-ATS)

Il Parlamento vuole che le imprese troppo grandi per fallire ("too big to fail") in alcuni casi possano essere ritenute penalmente responsabili. Il Consiglio nazionale ha adottato oggi, con 141 voti e 3 astensioni, una mozione degli Stati introducendo però una modifica.

Il testo fa seguito alle pesanti critiche emerse dal rapporto delle commissioni di gestione sulla vicenda UBS e la crisi finanziaria, ha ricordato il relatore Pierre-François Veillon (UDC/VD). Attualmente alcune disposizione penali si possono applicare solo se il debitore ha dichiarato fallimento. Le imprese "too big to fail" vengono quindi automaticamente escluse visto che devono appunto essere salvate dal fallimento mediante un intervento dello Stato.

Per ovviare a questo problema, il Consiglio nazionale ha incaricato il Consiglio federale di modificare il codice penale in modo da rendere responsabili verso i creditori anche le imprese che, a causa della solo importanza sistemica, vengono sostenute finanziariamente dallo Stato e che devono ricorrere all'intervento pubblico a causa della cattiva gestione. La ministra della giustizia Simonetta Sommaruga si è opposta invano alla mozione, affermando che il Consiglio federale preferisce agire in maniera preventiva.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.