Navigation

Corea Nord: nessuna rinuncia a satellite 'Pacifico'

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 marzo 2012 - 08:55
(Keystone-ATS)

La Corea del Nord non abbandonerà "mai" il diritto di lanciare "un satellite a scopi pacifici". È la risposta di Pyongyang al monito partito da Seul, a margine del summit sulla sicurezza nucleare, da diversi leader, a partire dal presidente Usa Barack Obama, perché il regime receda dai propositi di lancio.

"Non rinunceremo mai al diritto di poter lanciare un satellite a scopi pacifici, che è un diritto legittimo di uno Stato sovrano e un passo essenziale per lo sviluppo economico", ha scritto l'agenzia Kcna, rilanciando le valutazioni di un funzionario del ministero degli Esteri.

Pyongyang ha promesso di andare avanti con i piani, sfidando i 'warning' che, nel resoconto dei funzionari della Casa Bianca, sarebbe stato lanciato anche dal presidente cinese Hu Jintao, nell'incontro bilaterale avuto con Obama.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?