Navigation

Corno d'Africa: Unicef, 2,4 milioni di bambini malnutriti

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 agosto 2011 - 15:08
(Keystone-ATS)

Sono 12,4 milioni le persone che hanno immediato bisogno di aiuto umanitario nel Corno d'Africa e causa della grave siccità. Di questi 2,34 sono bambini malnutriti, 600.000 in modo grave. Lo rende noto l'Unicef, che sin dall'inizio ha fissato fra i primi e più urgenti obiettivi il raggiungimento di tutti i più piccoli con la campagna di vaccinazione.

Nei campi profughi di Dadaab la campagna di vaccinazione (antipolio, anti morbillo, somministrazione di vitamina A e di vermifughi) è stata completata il 5 agosto, raggiungendo oltre 70.000 bambini, il 95% di quelli registrati nei campi. Inoltre, sempre in tema di diritto alla salute, oltre 130.000 persone hanno beneficiato di aiuti sanitari di emergenza fatti pervenire dall'Unicef a ospedali e ambulatori. Sono in corso anche campagne di vaccinazione integrate e l'organizzazione sta avviando il ripristino delle fonti idriche, oltre a interventi idrici e sanitari nelle aree di insediamento di profughi e sfollati.

Per rispondere al rischio colera, infine, l'Unicef ha inviato in varie aree della Somalia, e soprattutto a Mogadiscio, scorte di medicinali e materiali sanitari anti-colera, mentre nei campi profughi in Etiopia - dove si sono registrati vari casi di morbillo - ha avviato, d'intesa con le autorità locali, campagne di vaccinazione ad hoc. L'Unicef ha lanciato un appello per raccogliere 315 milioni di dollari necessari agli aiuti nei primi sei mesi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?