Navigation

Crollo dei traslochi a causa dell'epidemia

A differenza del resto della Svizzera in Ticino il calo del numero di traslochi è iniziato già a marzo. Keystone/URS FLUEELER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 settembre 2020 - 14:37
(Keystone-ATS)

La crisi dovuta al coronavirus e le relative misure disposte hanno messo bruscamente fine al dinamismo dei traslochi. In particolare, in aprile i traslochi sono diminuiti del 6% in tutta la Svizzera e del 15-30% nella Svizzera occidentale e in Ticino.

È quanto emerge dal quinto rapporto annuale sul trasloco di homegate.ch, realizzato in collaborazione con la Banca cantonale di Zurigo. In base a un'analisi degli ordini di rispedizione ricevuti dalla Posta Svizzera per il periodo compreso tra gennaio e giugno 2020 si denota che mentre a marzo si è ancora registrato un aumento di quasi il 3% rispetto all'anno scorso, ad aprile il calo è stato significativo: in tutta la Svizzera il numero di economie domestiche che hanno traslocato è diminuito del 6% rispetto all'anno scorso.

A maggio, le misure di restrizione e il riserbo della popolazione a traslocare hanno continuato a farsi sentire: il dato è risultato inferiore dell'1% rispetto all'anno precedente. La ripresa è iniziata a giugno. Sono stati riavviati i traslochi rimasti in sospeso ed è stato registrato un aumento dell'1% rispetto all'anno precedente.

In alcune regioni il tasso di trasloco è stato particolarmente colpito dalla pandemia. Un'analisi per cantone mostra che i cantoni della Svizzera occidentale (VD, GE, NE) e il Ticino hanno subito effetti significativamente più gravi. Ciò è indubbiamente legato ai tassi di infezione più elevati e quindi alle misure più restrittive adottate da tali cantoni.

Il Ticino ha registrato dati particolarmente interessanti, secondo homegate.ch: il calo del numero di traslochi è iniziato già a marzo, a causa della vicinanza geografica al focolaio dell'epidemia in Norditalia. Al contrario, a giugno si è verificato un effetto di recupero: il numero di traslochi è infatti aumentato del 10% rispetto all'anno precedente.

Non bisogna poi dimenticare che i Cantoni di Ginevra e Ticino hanno chiuso temporaneamente i cantieri, cosicché i progetti prossimi al completamento o pronti per il trasferimento sono stati bloccati.

Inoltre, piega homegate.ch, le restrizioni alla libera circolazione delle persone hanno reso difficili i traslochi oltre i confini nazionali. Il numero di traslochi all'estero nei mesi di aprile e giugno è stato inferiore rispettivamente del 30% e del 20% rispetto all'anno precedente.

I traslochi sono generalmente caratterizzati da un'elevata stabilità: tra gennaio e dicembre 2019 quasi 425'000 economie domestiche si sono spostate all'interno della Svizzera. Il tasso di trasloco nel 2019 è stato del 9,3%, vale a dire che circa un'economia domestica su 11 ha cambiato residenza.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.