Navigation

CSt: prodotti "duty free" anche per viaggiatori in arrivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 dicembre 2010 - 12:50
(Keystone-ATS)

BERNA - Anche i viaggiatori in arrivo negli aeroporti svizzeri - e non soltanto quelli in partenza - dovrebbero poter fare acquisti nei negozi "duty free". Dopo il Nazionale, il Consiglio degli Stati - con 30 voti contro 8 - ha approvato oggi la modifica legislativa proposta dal governo. Soltanto la sinistra e taluni esponenti PPD si sono detti contrari.
La camera dei cantoni si è così allineata ai 58 paesi - di cui 5 in Europa (Gibilterra, Islanda, Norvegia, Serbia e Turchia) - nei quali oggi è possibile acquistare merci nelle zone franche degli scali anche all'arrivo.
Con questa modifica, il giro d'affari dei negozi "duty free" dovrebbe aumentare dagli attuali 50 a 60 milioni di franchi l'anno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?