Navigation

CSt: sarannoriconosciuti i meriti del colonnello Martinoni

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2011 - 12:00
(Keystone-ATS)

I meriti del colonnello Mario Martinoni, che nel 1945 evitò che la popolazione di Chiasso e Como fossero coinvolte in combattimenti fra le truppe tedesche e alleate, saranno riconosciuti ufficialmente. Dopo il Consiglio nazionale, anche gli Stati hanno accolto una mozione in tal senso del deputato leghista Norman Gobbi.

Il 28 aprile 1945 il comandante del reggimento di fanteria di montagna 32, Mario Martinoni, si recò a Como su ordine del Consiglio federale e ottenne dalle truppe americane una cessazione anticipata delle azioni di combattimento. Martinoni ha facilitato un accordo di capitolazione tra le truppe tedesche, ammassate alla frontiera, e gli americani.

Il trasferimento del reggimento del colonnello Martinoni dal Mendrisiotto al Luganese, la sostituzione con un altro reggimento, i disturbi psichici del comandante e la sua conseguente rimozione dal comando hanno dato l'impressione che Martinoni non avesse agito correttamente. Il Consiglio federale riparerà ora questo torno e renderà omaggio al comandante riabilitando il suo ruolo di mediatore nella resa tedesca.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?