Navigation

Depositi scorie nucleari: cantoni interessati si uniscono

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 settembre 2011 - 10:08
(Keystone-ATS)

I sette cantoni che ospitano siti dove potrebbe essere realizzato un deposito di scorie nucleari si uniscono e formulano due richieste: rispettare la volontà popolare e assicurare la massima sicurezza.

Le rivendicazioni sono contenute in una nota firmata da deputati ai parlamenti cantonali di Argovia, Nidvaldo, Obvaldo, Sciaffusa, Soletta, Turgovia e Zurigo. I parlamentari, su iniziativa di deputati verdi e socialisti, invitano i rispettivi governi a garantire il rispetto delle due esigenze fondamentali.

In primo luogo non si dovrà obbligare un cantone a realizzare un deposito di rifiuti nucleari contro la volontà della popolazione. I parlamentari chiedono inoltre indagini ugualmente approfondite per tutti i siti scelti nella procedura di selezione per un deposito di scorie altamente radioattive.

Nella nota si cita il caso del Weinland zurighese (ora ufficialmente designato Zurigo Nordest), l'unico sito potenziale dove sono state realizzate trivellazioni di prova ed esami in tre dimensioni dei rischi sismici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?