Navigation

Donne in 250 piazze italiane

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 febbraio 2011 - 15:38
(Keystone-ATS)

Un urlo per dire 'Bastà alla degradazione delle donne ha aperto la manifestazione romana 'Se non ora quando?', una protesta che ha riempito le piazze di 230 città dove da questa mattina affollano le strade cittadine gridando slogan e brandendo striscioni che chiedono rispetto per le donne.

A piazza del Popolo, gremita di donne, uomini, ragazzi, famiglie, si levano urli contro il premier 'dimettitì. A Napoli 50 mila in piazza, migliaia e migliaia a Bari, Palermo, Genova, Trieste, Venezia, Torino, Milano, manifestazioni anche in molte città estere. La sindacalista Camusso della CGIL: questo governo fa politica contro le donne.

Per la ministra dell'istruzione Gelmini in piazza sono andate solo poche radical chic. Finocchiaro (PD): ministro Istruzione sbaglia, è pregiudizio. Rosy Bindi, presidente del PD: questo movimento non si fermerà.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.