Navigation

Ecologisti: 5 franchi all'anno per uscire dal nucleare

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 maggio 2011 - 13:12
(Keystone-ATS)

La Svizzera può rifornirsi di elettricità in modo sicuro, economico ed ecologico senza centrali nucleari in 15-25 anni. L'uscita anticipata costerebbe circa 5 franchi per economia domestica all'anno. E' quanto hanno affermato oggi a Berna Greenpeace, Pro Natura, la Fondazione svizzera dell'energia, l'Associazione traffico e ambiente e il WWF spiegando cosa si potrebbe fare.

Tra le misure proposte vi è una tassa d'incitamento sull'elettricità, ma anche provvedimenti più severi per illuminazione, apparecchi elettrici e motori, come pure l'obbligo di sostituire gli impianti di riscaldamento o i boiler elettrici. Per quanto riguarda le energie rinnovabili, le organizzazione ambientaliste sostengono lo sviluppo della rimunerazione per l'immissione di energia a copertura dei costi (RIC), che darebbe impulso all'impiego di energia solare.

Fare tutto questo costerebbe nettamente meno che costruire nuovi impianti nucleari o a gas, affermano le organizzazioni ecologiste che parlano di 0,1 centesimo per kilowattora pari a 5 franchi per economia domestica all'anno. Inoltre l'economia nazionale trarrebbe vantaggio degli investimenti realizzati nel settore dell'approvvigionamento durevole in elettricità rispetto a quelli realizzati nelle grandi centrali, concludono.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.