Navigation

Ecuador: referendum, Correa verso l'en plein

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 maggio 2011 - 21:59
(Keystone-ATS)

Mentre si delinea una vittoria netta dei 'sì' nel referendum indetto in Ecuador sulle riforme proposte dal governo socialista, il presidente Rafael Correa ha preannunciato "grandi cambiamenti" sulla scia del successo scaturito dalle urne.

I 'sì' infatti, secondo risultati quasi definitivi, hanno prevalso per tutti i dieci quesiti posti agli oltre undici milioni di votanti, dalla riforma della giustizia e delle leggi sui media, all'abolizione del gioco d'azzardo e delle corride. Correa esce rafforzato dal referendum e sembra sempre più probabile una sua riconferma nelle elezioni presidenziali del 2013.

"Abbiamo vinto, grazie a Dio e al popolo", ha annunciato il presidente socialista quando era stata scrutinata circa la metà dei voti. La stessa opposizione, sia di destra sia di sinistra, è stata pronta a riconoscere la sconfitta - ampiamente prevista nonostante avesse fatto fronte comune contro il 'chavismo' di Correa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?