Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - I lavoratori nel settore della costruzione chiedono maggiore protezione sociale e sui cantieri, il versamento del pieno salario in caso di malattia e maltempo, nonché maggiori garanzie contro il licenziamento. È quanto emerge da un ampio sondaggio condotto dai sindacati Unia e Syna in vista del rinnovo del contratto collettivo di lavoro (CCL), che scade alla fine dell'anno.
Nell'ambito del rilevamento - il primo di questo genere - sono state interrogate 16'000 persone. "Per i lavoratori la cosa più importante non è avere più vacanze o indennità, quanto ampliare la protezione sociale e della loro salute", ha spiegato in una conferenza stampa a Zurigo Hansueli Scheidegger, dirigente del sindacato Unia.
Il 68,2% degli interrogati si è ad esempio espresso per un pagamento dello stipendio completo nel caso in cui - per motivi indipendenti dalla volontà dell'interessato, come malattia, incidenti o meteo sfavorevole - non sia possibile lavorare. Attualmente in generale viene versato solo l'80% della busta paga.
Un'altra rivendicazione è relativa alle condizioni di lavoro: il 65,8% auspica nel nuovo CCL regole chiare su quando i cantieri devono fermarsi per il freddo, la pioggia o la canicola. Stando a Unia il maltempo è infatti il motivo determinante in un incidente su cinque.
Il 55,1% chiede inoltre un miglioramento della protezione contro il licenziamento per i dipendenti di oltre 50 anni e per coloro che sono attivi nel sindacato. Circa un terzo vuole più vacanze e giorni festivi, mentre il 27,6% vedrebbe di buon occhio tempi di lavoro regolamentati in modo chiaro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS