Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LOSANNA - Il gruppo editoriale vodese Edipresse, presto controllato dallo zurighese Tamedia, è uscito dalle cifre rosse nel primo semestre 2010, realizzando un utile netto di 20 milioni di franchi, contro una perdita di un milione nei primi sei mesi del 2009.
Il volume d'affari delle attività proseguite è progredito del 5,9%, a 88,9 milioni di franchi, ha indicato oggi Edipresse. Includendo le attività svizzere che passeranno a Tamedia, esso risulta stabile a 265,3 milioni. Edipresse guarda ai prossimi mesi con ottimismo: i programmi di riduzione dei costi e la ripresa economica dovrebbero consentire di migliorare il margine operativo.
Le attività svizzere di Edipresse (i quotidiani "24 Heures", "Le Matin", "Tribune de Genève" e "Le Temps"), raggruppate nell'entità Presse Publications SR (PPSR), sono già detenute per il 49,9% da Tamedia. L'integrazione completa nel gruppo editoriale svizzerotedesco sarà effettiva alla fine dell'esercizio 2012.
Dopo l'abbandono delle attività di stampa svizzere, Edipresse prevede di conservare quelle all'estero, in particolare nelle riviste in Europa orientale e in Asia. Il gruppo vodese, proprietà della famiglia Lamunière, intende inoltre insediarsi sul mercato immobiliare, in cui già possiede numerosi beni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS