Navigation

Egitto: circa 40 feriti in piazza Tahrir, condanna esercito

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 giugno 2011 - 09:18
(Keystone-ATS)

Sono finora 14 le persone rimaste ferite, di cui una gravemente, nei violenti scontri avvenuti in nottata fra manifestanti e forze dell'ordine che hanno fatto uso di lacrimogeni per disperderli. Lo riferisce l'agenzia Mena spiegando anche che 26 agenti di polizia sono rimasti feriti negli scontri riportando contusioni e soffocamento provocato dai gas lacrimogeni.

Un migliaio di manifestanti è tuttora sulla grande piazza al centro del Cairo, lanciando slogan che chiedono la rimozione del capo del Consiglio Supremo delle forze armate, Hussein Tantawi, che in nottata ha diffuso un comunicato per condannare gli incidenti.

In nottata la giunta militare ha diffuso il suo comunicato numero 65 definendo gli incidenti in piazza "deplorevoli" e affermando che il loro unico obiettivo è quello di "destabilizzare il paese secondo un piano organizzato basato sull'uso del sangue dei martiri per seminare divisioni tra i rivoluzionari e le istituzioni della sicurezza". Il Consiglio militare ha fatto appello "al popolo egiziano e ai giovani della rivoluzione a non seguire questi richiami".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?