Navigation

Egitto: esplosione, sospeso flusso gas verso Israele

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 febbraio 2011 - 12:13
(Keystone-ATS)

L'attacco al gasdotto egiziano avvenuto oggi nel Nord Sinai è stato opera di "elementi stranieri" che hanno preso di mira il tratto della struttura che trasporta gas verso la Giordania, ha detto alla Reuters un responsabile locale della sicurezza.

Dal canto suo, anche la Radio israeliana ha confermato che l'esplosione non ha interessato la parte della struttura diretta in Israele e che l'interruzione del flusso è stata una decisione presa a titolo precauzionale.

In Israele non si prevedono dunque ripercussioni immediate. Secondo la radio militare Israele riceve dall'Egitto oltre il 40 per cento del proprio fabbisogno nazionale e parte del gas - che arriva al porto di Ashqelon, a sud di Tel Aviv - viene impiegato in alcune centrali elettriche. Tuttavia nel futuro immediato non si prevedono contraccolpi nella produzione della corrente elettrica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.