Navigation

Egitto: Fratelli musulmani pronti a dialogo con copti

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 marzo 2011 - 13:05
(Keystone-ATS)

I Fratelli musulmani sono pronti ad aprire un dialogo con i copti, i cristiani d'Egitto, per esaminare con loro la posizione della confraternita sul tema dei rapporti interconfessionali ed eliminare i timori espressi a riguardo dagli stessi copti.

Lo ha dichiarato oggi il portavoce della fratellanza, Essam El Eryan, che ieri aveva dato notizia di "un ottimo colloquio" svoltosi al telefono tra la guida suprema del movimento, Mohamed Badie, ed il capo della chiesa copta ortodossa, papa Shenuda III.

L'annuncio arriva poche ore dopo il risultato del referendum sugli emendamenti alla Costituzione, a favore dei quali hanno votato circa 14 milioni di egiziani, dopo che il sì era stato sostenuto con decisione sia dai Fratelli Musulmani sia dai residui sostenitori del Partito Nazionale Democratico, il partito al potere durante il regime di Mubarak.

I copti si erano apertamente schierati per il no al referendum, visto che gli emendamenti non includevano modifiche all'articolo 2 della Costituzione che prevede la 'Sharià, la legge coranica, come fonte del diritto egiziano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.