Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In piazza Tahrir, al centro del Cairo, il numero di persone che sta radunandosi cresce a vista d'occhio ed è già difficile da calcolare, ma è sicuramente di varie centinaia di migliaia mentre continuano ad arrivare cortei da varie direzioni.

Le immagini impressionanti mostrano una piazza gremita all'inverosimile, tanto che durante la preghiera del venerdì era difficile distinguere singole persone in una marea umana inginocchiata. Bandiere e cartelli con la scritta "Mubarak vattene" sono sventolati in aria e slogan ("Vattene, vattene", "La piazza va avanti". vengono scanditi ritmicamente.

I promotori della protesta hanno chiesto la partecipazione di 20 milioni di persone da tutto l'Egitto per il "venerdi dell'addio" del presidente. Gruppi, a quanto si è appreso, si avviano dalla piazza verso le diverse sedi istituzionali individuate come obiettivi della protesta: in particolare la sede della televisione, il palazzo presidenziale di Heliopolis, la sede dell'Assemblea del popolo.

Altri slogan gridati dai manifestanti dicono anche "il popolo ha già fatto cadere il regime", in sostituzione di quello dei giorni scorsi che chiedeva la caduta di Mubarak e del regime. Anche ad Alessandria d'Egitto la centrale piazza Sidi Gaber, davanti alla stazione ferroviaria, è gremita di persone fino all'inverosimile. Secondo Al Arabiya, 300.000 dimostranti marciano verso il palazzo presidenziale Ras El Teen.

A Suez, 130 chilometri a est del Cairo, riferisce ancora l'emittente araba citando testimoni, i dimostranti hanno preso il controllo di alcuni edifici governativi. La tv non precisa quali edifici sarebbero stati presi d'assalto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS