Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono forse 300 le persone morte nelle proteste in Egitto, ha affermato oggi a Ginevra l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Navi Pillay, citando notizie "non confermate". I feriti potrebbero essere oltre tremila, centinaia gli arrestati.

"Le vittime continuano a salire su base quotidiana, con notizie non confermate che indicano fino a 300 persone uccise finora, oltre 3mila ferite e centinaia arrestate, ha affermato Pillay in una dichiarazione estremamente severa sulla situazione in Egitto e nei confronti delle autorità.

"Con un milione di persone attese oggi nelle strade, esorto l'esercito e la polizia ad agire con la massima attenzione e moderazione", ha aggiunto. Pillay ha esortato le autorità ad ascoltare le domande degli egiziani in favore di riforme fondamentali per accrescere la democrazia ed i diritti umani nel Paese nordafricano.

L'odierna marcia potrebbe essere "un momento centrale della transizione dell'Egitto verso una società più libera, giusta e democratica".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS