Navigation

Esercito: sottufficiale si suicida nella caserma di Bière (VD)

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 maggio 2011 - 17:48
(Keystone-ATS)

Un sottufficiale si è tolto la vita nella caserma di Bière, nel canton Vaud. Il giovane è stato trovato venerdì mattina con una grave ferita da arma da fuoco, ha indicato all'ATS una portavoce delle forze armate confermando una notizia pubblicata oggi da "Le Matin". È stato trasportato in elicottero all'ospedale di Losanna, dove è stato riscontrato il decesso.

Le circostanze fanno ritenere che si sia trattato di suicidio: è stata aperta un'inchiesta per far luce sui fatti e per determinare fra l'altro anche la provenienza della munizione, ha precisato l'addetta stampa. Nessuna informazione viene fornita sulla vittima, a parte che aveva seguito la scuola reclute nel luglio 2010 e in seguito la scuola sottufficiali.

Stando a "Le Matin" il giovane è un romando, sergente capo, che puntava a diventare ufficiale. Proprio ieri mattina era stato informato che non aveva però ottenuto le qualifiche necessarie e che poteva quindi terminare il servizio. A quel punto - sempre secondo la ricostruzione del quotidiano romando - il milite è tornato nella sua camera, si è chiuso all'interno e si è sparato un colpo in bocca con la pistola d'ordinanza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.