Navigation

Ex banchiere Elmer in detenzione preventiva

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2011 - 18:10
(Keystone-ATS)

L'ex banchiere Rudolf Elmer, condannato mercoledì per violazione del segreto bancario e altri reati, è stato posto ieri in detenzione preventiva. La decisione è stata giustificata con i gravi indizi a suo carico e con il rischio di distruzione di prove, ha indicato la sua legale Ganden Tethong, annunciando un ricorso al Tribunale cantonale zurighese.

Elmer era stato arrestato mercoledì sera nel garage sotterraneo dell'immobile dove vive, poco dopo la sentenza del processo al Tribunale distrettuale di Zurigo, che lo ha condannato a una pena pecuniaria sospesa con la condizionale di 240 aliquote giornaliere da 30 franchi per ripetuta violazione del segreto bancario, minacce e ripetuta tentata coazione nei confronti della Julius Bär, che lo aveva licenziato nel 2002.

Il fermo è stato ordinato in seguito alle consegne di due CD con dati bancari, lunedì a Londra, a Julian Assange, fondatore di Wikileaks. Essi conterrebbero informazioni riguardanti migliaia di conti offshore, che Wikileaks intende pubblicare dopo verifiche. Già nel 2008 il sito aveva divulgato dati su clienti della Julius Bär, e il ministero pubblico zurighese sospetta che a consegnarli sia stato Elmer. La procura sta ora valutando se aprire un nuovo procedimento per violazione del segreto bancario.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.