Navigation

Federali: ballottaggioCSt, BE e TI eleggono quattro "senatori"

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 novembre 2011 - 09:31
(Keystone-ATS)

Ballottaggi generali per l'elezione del Consiglio degli Stati oggi nei cantoni di Berna e del Ticino. A Berna tra i quattro candidati in lizza, saranno Adrian Amstutz (UDC), Werner Luginbühl (PBD) e Hans Stöckli (PS) a poter sperare nella conquista di un seggio. La candidatura di Josef Rothenfluh (senza partito) è solo velleitaria. In Ticino in campo vi saranno Filippo Lombardi (PPD), che dovrebbe riconfermare il suo seggio senza troppe difficoltà, mentre a contendersi il secondo seggio ci saranno Fabio Abate (PLR), Franco Cavalli (PS) e Sergio Morisoli (Lega/UDC/Indipendenti). Poche chances invece per Germano Mattei di MontagnaViva.

BERNA

I democentristi non sembrano più troppo sicuri della rielezione di Amstutz, nonostante il suo primo posto ottenuto il 23 ottobre: se l'Unione democratica di centro ha deciso di sostenere Luginbühl, già "senatore" UDC passato nel 2008 al PBD, il Partito borghese democratico non ha ricambiato la cortesia e ha rinunciato a formulare una raccomandazione di voto.

Il PBD, in grado di raccogliere adesioni da destra ma anche dal centro-sinistra, è ora il principale favorito secondo la stampa locale. I Verdi, dopo il ritiro del loro candidato Alec von Graffenried, hanno raccomandato di votare per il consigliere nazionale socialista Stöckli ma anche sorprendentemente per il PBD Luginbühl, una strategia per ostacolare l'UDC.

Se Stöckli - che il 23 ottobre ha raggiunto un buon risultato soprattutto nel Giura bernese, a Bienne e a Berna - vorrà figurare tra i due eletti agli Stati dovrà cercare di raccogliere voti anche nel resto della parte svizzerotedesca del cantone, dove i suoi avversari beneficiano di un largo sostegno popolare.

TICINO

Il "senatore" uscente Filippo Lombardi (PPD), che siede al Consiglio degli Stati dal 1999, il 23 ottobre si è piazzato al primo posto (con oltre il 40% dei voti) e la sua rielezione dovrebbe quindi essere assicurata. Più incerto invece il discorso per il secondo seggio: Fabio Abate (PLR), che difende il mandato del partito lasciato libero da Dick Marty, Franco Cavalli (PS) e Sergio Morisoli (Lega/UDC/Indipendenti), hanno infatti raccolto al primo turno tra il 30 e il 34% dei voti, con Abate tuttavia in vantaggio.

In corsa, anche se con poche prospettive, Germano Mattei di MontagnaViva. Questi, outsider della Valmaggia, ha raccolto al primo turno l'8,1% dei voti, un risultato sorprendente che lo ha spinto a non ritirarsi e ad andare al ballottaggio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?