Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Finanza: FSB pensa a lista nera paesi non collaborativi su regole

BASILEA - Il Comitato di stabilità finanziaria (Financial Stability Board, FSB) vuole incoraggiare l'adesione di tutti i paesi agli standard finanziari internazionali e allo scambio di informazioni in materia. È prevista fra l'altro la pubblicazione, entro fine 2010, di una lista nera dei paesi che non collaboreranno e si mostreranno restii ad adeguarsi.
Stando a un comunicato odierno diramato oggi a Basilea l'iniziativa, che risponde alle sollecitazioni del G20 dell'aprile 2009 e si accompagna a mosse analoghe del Global Forum, dell'Ocse e della Fatf (lotta a riciclaggio e antiterrorismo) riguarda "l'adesione alla cooperazione internazionale e agli standard di scambio di informazione nella regolazione finanziaria e nel comparto della supervisione".
L'organizzazione presieduta dal governatore della Banca d'Italia Mario Draghi sottolinea infatti l'aspetto globale dei mercati finanziari e sostiene che gli sforzi delle autorità di vigilanza potrebbero essere fiaccati in caso di una debolezza nello scambio di informazioni e nella cooperazione.
Per questo l'FSB - che è ospitato dalla Banca dei regolamenti internazionali di Basilea - vuole incoraggiare i paesi rimasti indietro su questo tema, a compiere dei passi avanti attraverso una "gamma di possibili misure" che includono l'assistenza tecnica e il dialogo oltre che, in ultima istanza "la pubblicazione entro la fine del 2010 dei nomi delle giurisdizioni non cooperative".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.