Navigation

Fmi: cala deficit stati nel mondo, ora servono riforme

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2010 - 14:42
(Keystone-ATS)

WASHINGTON - Il Fondo monetario internazionale (FMI) riconosce lo sforzo compiuto a livello globale dagli stati nel ridurre i deficit generati dalle misure anti crisi, ma esorta, specie i paesi avanzati, a fare di più, con una maggiore chiarezza nei piani di rientro e il varo di riforme a lungo termine quali quella del welfare e della sanità.
È quanto si legge nel Fiscal Monitor dell'organismo con sede a Washington, secondo cui il deficit fiscale globale è stimato scendere dal 6,75% del Pil mondiale del 2009 a quota 6% con una ulteriore discesa al 5% il prossimo anno.
Nello studio, pubblicato ogni sei mesi, il Fondo rileva che "se la crescita minaccia di rallentare più del previsto, le economie avanzate che vantano un certo margine di manovra nel bilancio dovrebbero lasciare campo libero agli stabilizzatori automatici. In aggiunta, se necessario per poter continuare la ripresa, una parte del consolidamento dei conti previsto per il 2011 può anche essere posposto".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.