Navigation

Francia: intercettato tè verde radioattivo dal Giappone

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2011 - 21:54
(Keystone-ATS)

Un lotto di tè verde radioattivo proveniente dal Giappone è stato intercettato dalle autorità francesi all'aeroporto parigino di Roissy-Charles de Gaulle. Il tè, che verrà distrutto, contiene il doppio del cesio consentito dal livello massimo autorizzato, riferiscono le autorità transalpine.

Si tratta di un lotto di 162 kg di foglie secche, provenienti dalla regione di Shizuoka, nel centro del Giappone. È la prima volta che dei prodotti radioattivi vengono intercettati in Francia nel quadro dei controlli lanciati dopo l'incidente nucleare alla centrale di Fukushima.

Analisi di laboratorio hanno evidenziato una contaminazione di cesio di 1.038 Bq/kg, superiore al livello massimo ammissibile stabilito dall'Unione europea, che per questo tipo di prodotto è di 500 Bq/kg, precisano le autorità francesi.

La merce è stata messa in quarantena e verrà distrutta da un'azienda specializzata. Parigi ha anche deciso di "lanciare un controllo sistematico di tutti i vegetali" provenienti dalla stessa zona del centro del Giappone e si rivolgerà alla Commissione europea di Bruxelles per aggiungere l'area di Shizuoka nella lista delle zone per cui "la regolamentazione europea impone un controllo sistematico prima della partenza (delle merci,ndr.) dal Giappone".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?