Navigation

GB: disoccupati cronici a 'lavori forzati' per comunità

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 novembre 2010 - 15:13
(Keystone-ATS)

LONDRA - Lavori socialmente utili imposti ai disoccupati "cronici" che ricevono sussidi dallo Stato, pena l'interruzione per almeno tre mesi dell'assegno di disoccupazione. Ian Duncan Smith, ministro per il Lavoro e le Pensioni, ha scelto la linea dura per riformare lo stato sociale in Gran Bretagna. "Il messaggio - ha detto - è semplice: se non si collabora sarà dura". La misura farebbe parte del pacchetto proposte di prossima pubblicazione.
Il programma di lavoro è pensato per "incoraggiare" coloro i quali sono in grado di lavorare ma avrebbero scelto di non farlo, continuando a percepire i sussidi dalla disoccupazione - circa 70 euro alla settimana. Così, per tornare ad avere "un'esperienza diretta delle abitudini e della routine del lavoro", ai soggetti verrebbe chiesto di lavorare 30 ore alla settimana svolgendo mansioni come la pulizia delle strade o la manutenzione dei giardini. In caso di rifiuto i sussidi verrebbero interrotti per almeno tre mesi.
Il pacchetto proposte di riforma dello stato sociale punta a ridurre il costo sulle casse dello Stato - 190 miliardi di sterline all'anno - e ridurre il numero di persone che ricevono qualche forma di sussidi alla disoccupazione, al momento circa cinque milioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?