Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LONDRA - David Cameron, secondo i sondaggi istantanei, si è aggiudicato il terzo ed ultimo scontro televisivo in diretta tra i leader dei partiti Conservatore, Liberaldemocratico e Laburista. Un match - in diretta sulla Bbc dall'università di Birmingham - che aveva come tema centrale l'economia. E immediato è stato lo scontro su tagli alla spesa pubblica, tasse, sostegno alla ripresa economica, immigrazione. Uno scontro che si è caratterizzato più che altro in un serrato botta e risposta tra Cameron e Gordon Brown, con Nick Clegg che in diverse occasioni è sembrato un po' tagliato fuori.
Per ComRes Itv, Cameron ha vinto con il 35%, con Clegg al 33 e Brown al 26. YouGov/Sun ha assegnato a Cameron il 41%, con Clegg al 32% e Brown al 25. Il rilevamento Guardian/ICM dà il leader Tory al 35%, Brown al 29% e Clegg al 27%. Solo per il sondaggio Populus/Times David Cameron e Nick Clegg finiscono alla pari con il 38%, con Gordon Brown che si ferma al 25%.
Il primo a parlare è stato, per sorteggio, Cameron, forte del sostegno arrivato dal settimanale The Economist per la sua determinazione a tagliare la spesa pubblica. "Viste le notizie dalla Grecia, garantisco che non entrerò mai nell'euro", ha esordito il capo dei Conservatori. La crisi ellenica, che domina le prime pagine dei giornali del mondo, non è stata quasi menzionata ieri sera, se non quando Cameron ha attaccato Clegg sul suo asserito piano per portare Londra nell'euro: "Se fossimo stati nell'euro i vostri soldi sarebbero andati alla Grecia e ad altri paesi. Sarebbe stato un enorme errore strategico".
Clegg, il solo europeista fra i tre, ha risposto che i Lib-dem dicono che nell'euro si potrà entrare solo se sarà conveniente, e solo con un referendum.
Brown, che ieri sera si giocava tutto, è arrivato allo scontro forte di un documento di oltre 100 influenti economisti che hanno espresso sostegno alla politica economica del premier, e in particolare nella sua cautela ad avviare tagli alla spesa pubblica. Ma ha affrontato subito il caso che ha occupato il dibattito elettorale delle ultime ore: "Ci sono molti aspetti in questo lavoro, e come avete visto ieri non sempre faccio la cosa giusta", ha esordito, in riferimento alla gaffe a microfoni aperti in cui ha dato della "fanatica" a una pensionata.
Clegg ha accusato gli avversari di non avere chiare idee sui tagli da fare per risanare il deficit, e ha detto che lui non "ingannerà" i cittadini dicendo che basterà limitare gli sprechi.

SDA-ATS