Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

GE: TF condanna discriminazioni fiscali a frontalieri

LOSANNA - Il Cantone di Ginevra non potrà più rifiutare ai frontalieri le deduzioni fiscali accordate agli altri contribuenti: il Tribunale federale ha condannato le pratiche del cantone lemanico e accolto il ricorso di un ginevrino insediato nell'Alta Savoia.
Dal suo trasferimento oltre frontiera nel 2001, il fisco ha rifiutato con costanza al ginevrino - ormai sottoposto all'imposta alla fonte - di operare deduzioni per le spese di trasporto dal posto di lavoro al luogo di residenza. L'amministrazione fiscale ha giustificato tale posizione con le disposizioni cantonali e federali in materia d'imposizione alla fonte.
In una sentenza di principio pubblicata oggi, i giudici di Losanna sottolineano che l'Accordo sulla libera circolazione delle persone (ALCP) sottoscritto fra Berna e Bruxelles riguarda non soltanto i cittadini dell'UE, ma pure gli svizzeri.
Il divieto di discriminazione previsto dall'accordo prevale sulle disposizioni - seppure contrarie - delle leggi federali, quali la legge sull'imposta federale diretta o la legge sull'armonizzazione fiscale, rileva la Corte suprema.
Al contribuente sottoposto all'imposta alla fonte devono dunque essere riconosciute le deduzioni fiscali accordate ai contribuenti residenti in Svizzera. Il Tribunale amministrativo ginevrino dovrà statuire una seconda volta, in modo più conforme all'ALCP.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.