Navigation

Giappone: al via commissione indipendente su crisi Fukushima

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 giugno 2011 - 16:12
(Keystone-ATS)

Sono partiti oggi a Tokyo i lavori della commissione di inchiesta indipendente sulla crisi nucleare di Fukushima, che dovrà fare luce sulle cause dell'incidente e valutare se, nelle prime fasi dell'emergenza, siano state adottate tutte le misure adeguate da parte delle istituzioni e della Tepco, il gestore dell'impianto disastrato.

Il premier nipponico, Naoto Kan, ha salutato l'avvio delle indagini chiedendo agli esperti "giudizi risoluti" ed esprimendo la disponibilità a essere ascoltato nel corso dell'inchiesta.

L'organismo, composto in gran parte da accademici, è guidato da Yotaro Hatamura, professore emerito dell'università di Tokyo ed esperto nell'analisi degli errori umani, che ha indicato la possibilità di un'ispezione a Fukushima già nel mese in corso.

"L'energia nucleare è pericolosa e credo sia un errore considerarla sicura", ha esordito Hatamura durante la prima riunione. La commissione prevede di compilare un rapporto preliminare entro la fine dell'anno, e presentare i risultati definitivi nell'estate del 2012.

Secondo il programma pianificato, verranno ascoltati tutti i soggetti che hanno avuto un ruolo nella crisi di Fukushima, dai rappresentanti di vario grado delle istituzioni centrali e locali, fino agli esponenti della Tepco.

Al vaglio degli esperti sarà possibilmente anche il ruolo degli organismi nipponici di garanzia per l'energia atomica, la cui diretta dipendenza dal governo, sotto il ministero dell'Industria che promuove il nucleare, è adesso al centro di forti critiche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.