Navigation

Guido Westerwelle a Berna: fiscalità e aerei rumorosi

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2011 - 16:16
(Keystone-ATS)

Fiscalità e rumore dei velivoli all'aeroporto di Zurigo sono stati i temi principali dell'incontro oggi a Berna tra la presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey e il ministro degli esteri tedesco Guido Westerwelle. Al termine dei colloqui quest'ultimo si è detto fiducioso sul prossimo successo delle trattative dedicate alla fiscalità.

Entrambe le parti si sono rallegrate degli intensi rapporti che intercorrono tra Svizzera e Germania. Sempre in ambito fiscale, Calmy-Rey ha affermato che con il modello dell'imposta liberatoria è stato trovato "un approccio costruttivo" grazie al quale è possibile tutelare gli interessi di entrambi i Paesi. L'obiettivo rimane la conclusione dei negoziati con la Germania sull'imposta liberatoria prima della pausa estiva.

La presidente della Confederazione ha dichiarato inoltre che occorre adottare un atteggiamento analogo, "costruttivo, razionale e finalizzato alla ricerca di soluzioni", anche per altre questioni in sospeso che toccano i rapporti bilaterali, quali l'ampliamento della linea ferroviaria della valle del Reno tra Basilea e Manheim come collegamento da Nord alla Nuova trasversale ferroviaria alpina (NFTA) o la problematica dei rumori provocati dal traffico aereo attorno all'aeroporto di Zurigo-Kloten.

Calmy-Rey ha sottolineato che la NFTA, con il potenziamento che essa comporta a livello di capacità di trasporto sull'asse Nord-Sud, riveste un'importanza sovraregionale e persino europea. A maggior ragione, quindi, "è importante che i lavori di ampliamento della tratta che attraversa la valle del Reno possano essere realizzati tempestivamente" per garantire il collegamento con la NFTA.

Per quanto riguarda il regime dei voli di avvicinamento all'aeroporto di Zurigo, Calmy-Rey ha dichiarato che la soluzione della questione presuppone che entrambe le parti "siano disposte a un compromesso". Alla luce dei risultati dell'analisi dell'inquinamento acustico, occorrerà trovare una soluzione equa che tuteli il più possibile la popolazione dal rumore.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?