Navigation

In aprile domande d'asilo in calo

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2011 - 11:20
(Keystone-ATS)

Nel mese di aprile sono state presentate 1'495 domande d'asilo, circa il 20 per cento in meno rispetto al mese precedente (1874). Il numero di domande di persone provenienti dal Nordafrica e dal Vicino Oriente rimane a un livello basso, fa sapere oggi l'Ufficio federale della migrazione (UFM).

Nel mese in rassegna il principale Paese di provenienza dei richiedenti l'asilo è stata l'Eritrea (376), ciò si spiega con il perdurare della situazione politica nel Paese e con i ricongiungimenti familiari cui dà diritto la legge sull'asilo. Al secondo posto la Tunisia con 165 domande. Tale cifra è rimasta stabile rispetto a marzo (159).

Al terzo posto la Macedonia (127). Si tratta soprattutto di Rom che hanno lasciato il Paese per fuggire a una situazione socio-economica priva di prospettive. Dal 1. agosto 2003 la Macedonia è considerata un Paese sicuro per cui di norma non si entra nel merito delle domande d'asilo di cittadini macedoni, precisa l'UFM. Al quarto posto della graduatoria si trova la Nigeria, con 97 domande d'asilo (174 a marzo). La diminuzione è probabilmente riconducibile alla ripresa degli allontanamenti e dei rimpatri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.