Navigation

Iran: un impiccato per 'apostasia'

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 febbraio 2011 - 14:21
(Keystone-ATS)

Un giovane che aveva creato una setta religiosa, presentandosi ai suoi adepti come 'Dio', è stato impiccato per apostasia in Iran. L'esecuzione, riferisce l'agenzia Fars, è avvenuta mercoledì scorso nella città di Ahwaz, nel sud-ovest del Paese, abitata da una forte minoranza araba. L'uomo, identificato come Abdolreza Gharabat, era "riuscito a riunire attorno di lui dei giovani arabi della regione", aggiunge l'agenzia.

Il reato di apostasia può portare alla pena di morte in Iran, così come molti altri tra i quali l'omicidio, la rapina a mano armata, la violenza carnale, il traffico di stupefacenti e l'adulterio.

Secondo fonti di stampa iraniane, le impiccagioni dall'inizio dell'anno nel Paese sono state 67, rispetto alle 179 di tutto il 2010, con punte fino a dieci esecuzioni in un solo giorno. Tra gli impiccati vi sono due attivisti arrestati nelle manifestazioni anti-governative del 2009, accusati di "cooperazione" con i Mujaheddin del Popolo, la maggiore organizzazione di opposizione armata al regime, e Zahra Bahremi, una cittadina irano-olandese anch'ella arrestata in una manifestazione e poi condannata a morte per traffico di stupefacenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?