Navigation

Irlanda: presidente Efsf, missione durerà due settimane

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 novembre 2010 - 13:02
(Keystone-ATS)

PARIGI - La missione di Commissione europea, Bce e Fondo monetario internazionale in Irlanda durerà "circa due settimane, per analizzare la situazione, valutare i bisogni finanziari e identificare le riforme strutturali da operare". Lo dichiara, in un'intervista al quotidiano francese "Le Monde", il direttore del Fondo europeo di stabilità finanziaria (Efsf), Klaus Regling, ricordando che "questa fu la durata della missione in Grecia".
L'Efsf, sottolinea Regling, interverrà solo "su mandato unanime dell'Eurogruppo", quando "il meccanismo sarà attivato e un programma di aggiustamento sarà firmato presso la missione della Commissione e del Fmi". A quel punto, aggiunge, "siamo fiduciosi nel fatto di riuscire a raccogliere i fondi necessari, presso investitori istituzionali, banche centrali e fondi sovrani, in particolare in Asia".
Nessun ulteriore dettaglio, però, su un eventuale interessamento di Pechino ad acquistare titoli di debito emessi dall'Efsf. La situazione irlandese, sottolinea poi Regling, è "sotto controllo" dal punto di vista del bilancio pubblico, che "ha finanziamenti fino alla metà del 2011", ma "è il settore bancario che penalizza il Paese, dopo lo scoppio della bolla immobiliare".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?