Navigation

Israele: sì a Onu per 1200 nuovi alloggi e 18 scuole a Gaza

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 giugno 2011 - 19:07
(Keystone-ATS)

Il governo israeliano ha autorizzato l'Onu a importare materiale da costruzione nella Striscia di Gaza per realizzarvi due progetti immobiliari che comprendono 1200 nuovi alloggi e 18 scuole. Lo hanno annunciato oggi le due parti.

L'annuncio giunge poco prima del previsto arrivo nella Striscia di una flottiglia umanitaria internazionale con lo scopo di rompere il blocco che Israele impone a Gaza. "Abbiamo approvato vasti progetti supplementari dell'Unrwa (l'Agenzia Onu per i rifugiati palestinesi): la costruzione di 18 scuole e di circa 1200 alloggi a Rafah e Tall al-Sultan (nel sud della Striscia di Gaza", ha detto all'Afp Guy Inbar, portavoce del coordinatore delle attività israeliane nei Territori palestinesi).

Il coordinatore dell'Onu per il processo di pace in Medio Oriente, Robert Serry, ha da parte sua accolto con favore "questo passo importante", precisando che il valore complessivo dei progetti è di circa 100 milioni di dollari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.