Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - JP Morgan archivia il primo trimestre del 2010 con utile netto di 3,33 miliardi di dollari, pari a 74 centesimi per azione, di gran lunga superiore alle stime degli analisti che avevano previsto un utile di 64 centesimi per azione.
I ricavi di JPMorgan nel primo trimestre dell'anno sono cresciuti del 55% a 27,67 miliardi di dollari grazie ad un aumento delle entrate provenienti dal comparto trading.
L'utile è salito a 3,33 miliardi di dollari, pari a 74 centesimi per azione, dai 2,14 miliardi di dollari, pari a 40 centesimi per azione, segnati nello stesso periodo dell'anno scorso, rende noto la stessa banca in un comunicato citato da Bloomberg.
L'istituto newyorchese - che fa sapere in una nota di puntare su una forte ripresa e ha intenzione di assumere 9.000 persone negli Usa - ha messo a bilancio per il primo trimestre di quest'anno accantonamenti a copertura di perdite sui crediti per 7,01 miliardi di dollari.

SDA-ATS