Navigation

Letteratura: Pc Cile chiede inchiesta su morte Pablo Neruda

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2011 - 21:52
(Keystone-ATS)

Il Partito comunista cileno ha presentato presso un giudice di Santiago la richiesta di aprire un'indagine sulla morte di Pablo Neruda, deceduto il 23 settembre del 1973 nella clinica privata 'Santa Maria' della capitale, pochi giorni dopo il golpe militare organizzato dal generale Augusto Pinochet.

A chiedere l'apertura di un'inchiesta è stato il presidente del Pc cileno, il parlamentare Guillermo Teiller, decisione che era già stata preannunciata nei giorni scorsi a Santiago.

"Neruda non era in coma e non c'era nessun elemento che potesse far pensare alla morte", ha precisato alla stampa l'avvocato Eduardo Contreras, che ha preparato la richiesta alla magistratura cilena. Le dichiarazioni di Contreras fanno seguito a quanto detto qualche giorno fa ad una rivista messicana dall'autista del Nobel cileno, il quale ha parlato di un omicidio commesso dagli agenti di Pinochet, tesi però subito smentita a Santiago da più parti, tra le quali la moglie dello scrittore, Matilde.

Secondo quanto l'autista Manuel Araya ha raccontato al settimanale 'Proceso', Neruda è deceduto a causa di un'iniezione nello stomaco fatta il giorno prima della sua morte. Lo stesso Araya aveva sottolineato che le condizioni di salute di Neruda erano buone e che lo scrittore stava preparandosi a chiedere l'asilo in Messico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?