Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È ormai guerra aperta in Libia, con le forze fedeli a Gheddafi impegnate nella riconquista di alcune città-chiave contese a cannonate ai ribelli. Per il secondo giorno consecutivo, i governativi hanno compiuto raid aerei e bombardato con i carri armati.

I media di regime parlano di vittorie lampo a Al Zawiya, Ras Lanuf, Misurata e Tobruk e annunciano che l'esercito prosegue la sua marcia trionfale verso Bengasi, la roccaforte dei ribelli.

Gli insorti resistono a caro prezzo e al termine di una durissima giornata di battaglie, di "stop and go", annunciano di tenere ancora sotto il loro controllo Ras Lanuf e Misurata.

A Tripoli, dove in mattinata la tv di stato ha annunciato tagli alle imposte e non meglio precisate riforme "per festeggiare la vittoria sui terroristi", si è combattuta per circa due ore nella notte una misteriosa quanto intensa battaglia a colpi di armi automatiche e di artiglieria pesante. All'alba però è stata un'esplosione di gioia con l'annuncio della tv delle vittorie militari e di un accordo tra il regime e alcune tribù che spianerebbe la strada alle truppe di Gheddafi per una offensiva nella Cirenaica ribelle.

Migliaia di persone sono scese in piazza per celebrare "la vittoria", cantando slogan pro-Gheddafi, sparando in aria, innalzando bandiere verdi della Jamahiriya e issando foto del leader libico. Ovunque caroselli di auto che suonavano il clacson a distesa mentre sulla piazza Verde e davanti alla caserma di Bab al Azizia, il bunker di Gheddafi, si sono svolte manifestazioni di sostegno al regime per tutta la giornata, con spari in aria.

Ma lontano da Tripoli i carri armati di Gheddafi non si sono risparmiati: hanno aperto il fuoco su Misurata, dove si contano almeno 18 morti, mentre aerei ed elicotteri hanno compiuto raid su Ras Lanuf, importante centro petrolchimico, dove testimoni parlano di una fortissima esplosione e del fuoco prolungato delle contraeree.

Gli insorti hanno annunciato di aver abbattuto un elicottero da combattimento, che sarebbe precipitato in mare al largo di Ras Lanuf, ma i governativi smentiscono. Combattimenti si sono alternati in molte città della Libia, con un altalenarsi di annunci e smentite tra la propaganda di regime e quella degli insorti sull'esito delle battaglie.

Secondo la tv di stato, il rais starebbe riconquistando palmo a palmo la Libia orientale. I ribelli però smentiscono e sostengono, ad esempio, che Tobruk e Misurata sono ancora nelle loro mani. Mentre a Ras Lanuf a Zawiya la situazione è incerta e si contano molte vittime.

Voci non confermate raccolte a Tripoli, la notte scorsa Gheddafi avrebbe raggiunto un accordo con i capi di alcune tribù per ottenere, se non proprio una tregua, almeno la non belligeranza sul loro territorio. Le fonti hanno anche annunciato un annuncio di Gheddafi in tal senso a breve.

Negli scontri a Ben Jawad, sulla strada verso Sirte, città natale e roccaforte di Gheddafi, è rimasto ferito in maniera non grave anche un giornalista francese. Secondo fonti locali, i ribelli sarebbero caduti in una imboscata tesa loro da alcuni combattenti della tribù Al Isuhn, passata nelle ultime ore dalla parte di Gheddafi, forse dietro compenso. Un chiaro segnale che l'offensiva a tutto campo di Gheddafi sta ottenendo i primi risultati.

Sul piano politico, il secondogenito del Colonnello, Seif al Islam, ha detto oggi che l'Italia deve sostenere "la lotta al terrorismo se non vuole ritrovarsi un Paese come l'Afghanistan a mezz'ora dalle proprie coste". "Se i ribelli vincessero - ha aggiunto il figlio del colonnello - in Libia non ci sarà posto nè per l'Eni nè per la democrazia".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS