Navigation

Libia: fonti mediche ad Al-Jazeera, 250 morti a Bengasi

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 febbraio 2011 - 14:15
(Keystone-ATS)

L'esercito libico sta sparando razzi Rpg (anticarro) sui manifestanti a Bengasi. Lo riferisce una testimone alla televisione satellitare Al Jazira, aggiungendo che le forze dell'ordine stanno anche utilizzando proiettili urticanti per disperdere la manifestazioni.

Sarebbe di 250 morti e di 700 feriti il bilancio degli scontri avvenuti ieri pomeriggio sempre a Bengasi tra manifestanti e forze della sicurezza libica fedeli a Muammar Gheddafi.

In particolare a fornire queste cifre è il medico Nabil al-Saaiti il quale in un collegamento telefonico con l'emittente qatariota ha spiegato che "ieri agenti della sicurezza di origine africana reclutati dal regime hanno aperto il fuoco contro i manifestanti e il numero dei morti è tale che non riusciamo a metterli tutti nella camera mortuaria dell'ospedale per identificarli".

A causa dell'assenza di giornalisti in quell'area e dell'interruzione del servizio internet nel paese è difficile verificare le notizie fornite dai testimoni e dagli esponenti delle opposizioni, anche se le informazioni fornite nei giorni scorsi si sono poi col passare del tempo rivelate in buona parte veritiere.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.