Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non è ancora troppo tardi per bombardamenti mirati contro il regime libico di Muammar Gheddafi: lo dice il ministro degli Esteri francese, Alain Juppé, in un breve articolo pubblicato sul suo blog personale e intitolato 'Notre honneur' (Il nostro onore). "Solo la minaccia dell'uso della forza - afferma Juppé - può fermare Gheddafi".

"È bombardando le posizioni dei suoi oppositori, con quelle poche decine di aerei ed elicotteri di cui dispone realmente, che il dittatore libico ha rovesciato i rapporti di forza", sottolinea ancora Juppé, aggiungendo: "Potevamo e possiamo ancora neutralizzare i suoi mezzi aerei con bombardamenti mirati.

È ciò che la Francia e la Gran Bretagna propongono da settimane. A due condizioni: ottenere un mandato del consiglio di sicurezza dell'Onu, unica fonte di diritto internazionale in materia di uso della forza; agire non solo con il sostegno ma anche la partecipazione effettiva dei Paesi arabi.

Questa seconda condizione - precisa il ministro - sta per essere soddisfatta: molti Paesi arabi ci hanno assicurato che parteciperebbero. La Francia, con la Gran Bretagna e il Libano, hanno appena depositato a New York il progetto di risoluzione che ci darebbe l'atteso mandato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS